Rock Siciliano for Amatrice. I Morgana lanciano “Only Dust” a sostegno dei terremotati

Chitarre aggressive in pieno stile hard rock, una batteria martellante già dall’intro che richiama le sonorità piene del metal anni 90, “Only Dust”, il nuovo singolo della band nissena “Morgana, recentemente uscito sul mercato digitale, avrebbe già così tutte le carte in regola per conquistare il già ampio target degli amanti del genere.

Ma “Only Dust” possiede una marcia in più che, siamo sicuri, gli consentirà di fare breccia anche in chi non nasce rockettaro.

Il brano ha una genesi tutta particolare. Nasce infatti all’indomani del terribile terremoto che sconvolse l’Italia centrale lo scorso 25 agosto, cancellando letteralmente paesi come Amatrice, Accumoli o Pescara sul Tronto.

Mentre sugli schermi delle Tv si susseguono quelle immagini drammatiche, “Only Dust”, nato come uno sfogo rabbioso dei Morgana alla vista di tanta distruzione si trasforma così in un “progetto” autofinanziato senza scopi di lucro per raccogliere fondi, tramite la vendita on line, da inviare direttamente a tutti quelli che, nel corso di quest’ultimo anno, si sono prodigati per fare del bene alle persone colpite dal sisma.

L’intera somma raccolta sarà infatti devoluta, senza alcun intermediario, alle strutture di Amatrice che hanno partecipato all’accoglienza dei terremotati fin dai primi momenti di difficoltà.Il brano è stato prodotto dal canicattinese Armando Cacciato ed è stato registrato presso gli studi Circuiti Sonori di Canicattì.L’autore è Manuel Scarano, frontman dei Morgana ,che si è occupato anche della registrazione delle chitarre, delle orchestrazioni e delle voci. Completano il team Francesco Grillo al basso elettrico e Stefano Orlando per la batteria, mentre Giuseppe Di Muro ha rappato il bridge centrale del brano.

All’esordio “Only Dust” ha raggiunto la top 5 delle classifiche rock su Google Play, ed è stata prima in classifica nel settore Hard Rock.

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere proprio con Manuel Scarano per capire un po’ la genesi di questo progetto.

– Com’è nata l’idea del brano?

Dopo aver sentito le notizie del Tg, subito dopo il terremoto, ho pensato ad una parte della mia vita passata in quelle zone. Ho lavorato ad Amatrice come musicista per anni, all’agriturismo “lo Scoiattolo” e ho conosciuto molte persone di quelle zone. Fabrizio Berardi, il proprietario, (che tra l’altro è l’autore della copertina del singolo), mi ha accolto come uno di famiglia. In realtà non pensavo di farlo diventare un progetto, ma mi sono fatto guidare dall’ispirazione e ho iniziato a scrivere il testo dal punto di vista di ciò che ha visto una persona rimasta sotto le macerie”.

– In quanto tempo lo hai scritto?

In realtà il brano, nella sua prima stesura, si è scritto da solo, le parole uscivano dalla mia bocca come fossero già scritte, come se le stessi leggendo. Per adattare il testo alla musica non ho fatto nessuna fatica, ho semplicemente scritto la musica sulla metrica che il testo mi ha suggerito. Praticamente, in quel brano, si esprimono esattamente tutte le emozioni e le sensazioni, (in quel momento di certo non positive), che erano già presenti dentro di me”.

– Che sensazione hai avuto dopo averlo ascoltato per la prima volta?

Dopo averlo fatto ascoltare a Francesco Grillo, il bassista dei Morgana e mio amico fraterno, abbiamo deciso di farlo diventare un progetto vero e proprio e di spingere e sensibilizzare la gente a dare una mano d’aiuto, in termini economici, nell’unico modo che noi conosciamo: suonare e fare girare la nostra musica. Ho subito chiamato Armando Cacciato, co-produttore del progetto, che ha accettato di buon grado l’incisione del singolo, portando dalla nostra parte tutta la sua disponibilità umana e professionale. La volontà di realizzare un video e di renderlo disponibile a tutti è arrivata subito dopo. Quando vivi una realizzazione del genere che ti impegna emozionalmente e professionalmente, il primo ascolto rappresenta il primo dei punti di arrivo ed in contemporanea l’effettivo punto di partenza, è un’ emozione indescrivibile”.

– Vi piacerebbe suonarlo davanti le popolazioni colpite dal sisma? Contate di farlo?

Sarei onorato di portare il brano li e suonarlo davanti a tutte quelle persone che hanno vissuto, (e si porteranno dietro per la vita), le parole che ho scritto. C’è un progetto in divenire che prevede la nostra partecipazione tra grandi nomi della musica italiana, non posso ancora anticipare nulla, ma incrociamo le dita affinchè vada in porto”.

Intanto “Only Dust” è in vendita su tutti i principali store digitali. Il ricavato, è bene ricordarlo ancora una volta, andrà direttamente e senza intermediari di alcun genere alle strutture che hanno partecipato ai primi soccorsi e che ancora oggi si prodigano per coloro che hanno perso tutto in quel terremoto. Su You Tube c’è anche il videoclip ufficiale che è stato realizzato dalla SG production di Salvatore Giardina.

Non vi resta che armarvi di pc o smartphone, cliccare sul link ed acquistarlo. Un piccolo gesto che vi regalerà della buona musica e la splendida sensazione di aver fatto del bene a qualcuno.

Rock On!